16 giugno 1914 – Nasce la Misericordia di Sesto Fiorentino

0
661
TuttoSesto

Sesto giorno per giorno la rubrica curata da Daniele Niccoli, autore del libro Sesto una bella storia.

Fatti e date che caratterizzano la storia e la cronaca della città di Sesto.

Un aiuto per conoscere la nostra semenza e per intuire il nostro futuro.

La casa sul confine dei ricordi,
la stessa sempre, come tu la sai
e tu ricerchi là le tue radici
se vuoi capire l’anima che hai (Francesco Guccini)

SESTO GIORNO PER GIORNO

16 giugno 1914 – Nasce la Misericordia

Con un atto della Curia Arcivescovile di Firenze, il 16 giugno 1914, sulle ceneri della Compagnia del Santissimo Sacramento, nacque la Misericordia di Sesto Fiorentino. I propositi iniziali si limitarono all’assistenza ai malati e alla sepoltura dei morti. Era allora pievano don Luigi Calzolai. Grande protagonista di quel primo periodo, comprensivo dei duri anni della Grande Guerra, fu Pietro Azzarri, un operaio della manifattura Ginori che dedicò la sua esistenza alle opere di misericordia nei confronti dei più bisognosi. Morì il 19 aprile 1926 e i sestesi parteciparono in massa al suo funerale. Anche gli artisti sestesi vollero dimostrare, a modo loro, l’affetto nei confronti di questo animo buono: il pittore Ennio Pozzi realizzò un ritratto mentre il giovane scultore Antonio Berti partecipò alla realizzazione del monumento funebre. Anni più tardi anche l’Amministrazione Comunale vollero riconoscere il valore di Pietrino bono intitolandogli una via nel centro del paese.

Dopo un periodo pionieristico, nel 1926, con il Correttore, pievano Francesco Niccoli, la Misericorda di Sesto si affiliò alla Confederazione delle Misericordie. L’operazione fu condotta anche per facilitare l’acquisto della prima ambulanza che era ostacolato dal commissario prefettizio, ma che alla fine fu assegnata alla Confraternita grazie all’interessamento del consigliere comunale e confratello Odoardo Tosi. Il mezzo fu inaugurato 13 marzo 1927 e fu affidato ai due meccanici di biciclette che avevano la bottega in piazza della Chiesa: Ugo Campostrini e Marino Bigagli. Più tardi sarà l’officina di Enrico Innocenti di via mazzini ad occuparsene.

Nei primi cento anni di vita della Confraternita, numerosi sono stati i Correttori e i Governatori che hanno retto, le sorti della Misericordia, ma una menzione particolare la meritano il Pievano Monsignor Andrea Cassulo e il dott. Gino Conti. Il primo fu Correttore dal 1941 al 1986 e il secondo governatore dal 1945 al 1987. Hanno condiviso gli anni duri della guerra, dell’ospedaletto allestito all’interno della Pieve, e quelli della ricostruzione, dell’ammodernamento.

Nel 1951la Misericordia realizzò gli ambulatori di Piazza della Chiesa dopo la vendita dei locali a prezzo di favore da parte di Olinto Casini.

L’inaugurazione della nuova sede di piazza San Francesco risale invece al 15 settembre 2007

Daniele Niccoli

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO