8 ottobre 1978 – “Eutanasia di un amore” a Sesto

0
554
Eutanasia di un amore

Sesto giorno per giorno la rubrica curata da Daniele Niccoli, autore del libro Sesto una bella storia.

Fatti e date che caratterizzano la storia e la cronaca della città di Sesto.

Un aiuto per conoscere la nostra semenza e per intuire il nostro futuro.

La casa sul confine dei ricordi,
la stessa sempre, come tu la sai
e tu ricerchi là le tue radici
se vuoi capire l’anima che hai (Francesco Guccini)

SESTO GIORNO PER GIORNO

8 ottobre 1978 – Eutanasia di un amore a Sesto

Una macchina si ferma al semaforo. Un attimo e ne scende una ragazza alta, bella. Tiene la testa bassa, i suoi gesti non sono sicuri, qualcosa le rattrappisce il passo. Tuttavia si allontana in fretta, va verso la fermata dell’autobus

Questa la con cui frase inizia il romanzo che si sarebbe aggiudicato il Premio Bancarella del 1977 e che illustra la prima scena del film che ne fu tratto e che uscì nelle sale l’8 ottobre dell’anno successivo. La ragazza non è così alta, ma è indiscutibilmente bella. Proprio come poteva esserlo l’Ornella Muti della fine degli anni’70.

Eutanasia di un amore

Il semaforo è quello di via del Campo Sportivo a Sesto Fiorentino in prossimità del vecchio albergo “Trieste”. La fermata cui si fa riferimento è invece il capolinea del 28 (ancora rigorosamente verde) in piazza Bagnolet. E’ proprio lì che il protagonista maschile, interpretato da Tony Musante, “recupera” la bella Sena (Ornella Muti) nel tentativo di ridare vigore a un amore viceversa destinato a una morte neanche troppo dolce.

 Eutanasia di un amore

Eutanasia di un amore

Scrissi la mia storia, ma anche la storia degli altri. La sofferenza dell’essere lasciati e di lasciare. Gli amori, all’inizio e alla fine, si assomigliano tutti

 La scena è un omaggio che l’autore del libro, Giorgio Saviane, ha voluto fare alla città che lo ha ospitato. Per lungo tempo infatti il noto scrittore ha abitato villa il Poggio sopra Querceto.

Villa il Poggio
TuttoSesto

Grazie a lui in quei giorni  abbiamo avuto per le strade di Sesto anche il regista Enrico Maria Salerno reduce dal successo di Anonimo Veneziano ma, indiscutibilmente per noi ragazzi la star era una sola: Ornella

Daniele Niccoli

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO