Aeroporto: i lavori sulle vasche di laminazione possono proseguire

0
661
Vasca aeroporto Firenze

Per il Tar toscano i lavori sulle vasche di laminazione dell’aeroporto di Firenze (realizzate anche per arginare il rischio allagamenti) possono andare avanti. A quanto apprende la ‘Dire’ i giudici non hanno concesso la sospensiva al decreto licenziato dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che perfeziona l’intesa tra lo Stato e la Regione Toscana su Peretola, come chiesto dal Comune e la provincia di Prato, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Calenzano e il comitato Vita, ambiente e salute. Per il tribunale, infatti, “non risulta dimostrato che i lavori in corso di svolgimento siano riconducibili al decreto“. Decreto peraltro già stoppato dal ministero dopo che il Tar ha bocciato la valutazione di impatto ambientale rilasciata per la realizzazione delle nuova pista.

E’ una buona notizia“, ha commentato il sindaco Dario Nardella, perché “ci mette nelle condizioni di mantenere aperto un dialogo costruttivo con tutti i Comuni della Piana“. Il primo cittadino, infatti, vorrebbe arrivare ad un’intesa complessiva sull’area, in grado di andare oltre il ‘referendum’ sulla pista: “La strada maestra – spiega nel giorno in cui ha presentato il nuovo piano sui rifiuti – è trovare un accordo complessivo, decennale e a 360 gradi, sullo sviluppo della Piana e dell’area tra Prato e Firenze“.

Per Nardella “la volontà c’è: il superamento del termovalorizzatore di Case Passerini lo interpreto come un grande messaggio di disponibilità. Il progetto di portare il tram fino a Sesto è un altro segnale“. Mi pare ci siano le condizioni per parlarci da colleghi e costruire un modello nel quale l’aeroporto non sia più visto come la madre di tutti i problemi, ma come un pezzo di sviluppo sostenibile della Toscana centrale“.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO