Locali chiusi alle 18, ma aperti la domenica: Conte firma il nuovo DPCM

0
2614
Giuseppe Conte
TuttoSesto

Non un lockdown, ma quasi. Nella nottata il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il nuovo DPCM, in vigore dal 26 ottobre al 24 novembre.

Bar e ristoranti

L’orario di chiusura per tutto il settore della ristorazione è fissato per le 18. La domenica e i giorni festivi, però, bar e ristoranti potranno restare aperti. Il consumo al tavolo è permesso per un massimo di quattro persone non conviventi. Aperti gli autogrill, bar e ristoranti negli ospedali e negli aeroporti.

 

Scuola

La percentuale di didattica a distanza viene alzata alla percentuale del 75%. I dirigenti degli istituti scolastici decideranno quali classi seguiranno le lezioni a distanza, se solo alcuni o tutti e cinque gli anni. La didattica al primo ciclo, dalle materne alle medie, resta totalmente in presenza.

Sport e benessere

Chiudono palestre, piscine, centri benessere, centri termali, comprensori sciistici. Così come centri culturali, centri sociali e ricreativi. Restano aperti, invece, parrucchieri ed estetisti. Sono vietate le sagre, le fiere e le feste, nemmeno con numero ridotto di invitati, comprese quelle legate a cerimonie civili e religiose. Il DPCM raccomanda, inoltre, di non ricevere a casa persone che non siano conviventi, ad eccezioni di esigenze lavorative, di necessità e urgenza.

Spettacoli e partite

Stop a cinema, teatri, spettacoli e concerti, al chiuso e all’aperto. Gli stadi torneranno ad essere senza pubblico: fino adesso potevano ospitare mille tifosi al massimo.

Mobilità

Gli spostamenti tra Comuni sono sconsigliati, ma non vietati.

Concorsi pubblici e privati

Stop ai concorsi pubblici e privati, ad eccezione di quelli già banditi. I bandi in procinto di essere pubblicati restano congelati. Il blocco non riguarda quelli riservati al personale sanitario e al personale della protezione civile.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO