Musica, che passione: alla scoperta del Centro Artistico Parsifal di Sesto Fiorentino

0
315
Parsifal Sesto

Trent’anni di lavoro, di fatiche, ma anche di tante soddisfazioni e tanti successi. Nel 1989 a Sesto Fiorentino nasceva il Centro Artistico Musicale Parsifal. 

La sala prove, con sede in via della Tonietta 32, è un punto di riferimento per i musicisti. Dal 1989 ad oggi ne ha ospitati più di diecimila l’anno.

Il centro Parsifal offre servizi di assistenza tecnica, creazione di basi studio, noleggio strumenti, registrazioni live e in studio, servizi fotografici e organizza concorsi, contest per band emergenti ed eventi. L’ultima manifestazione, “messa in piedi” insieme al Comune di Sesto Fiorentino e Avis, è stata “Liberi Tutti“, tenutasi dal 30 agosto all’8 settembre. Alla festa in piazza Vittorio Veneto hanno partecipato alcune cover band e la Bandabardò, protagonista del concerto della Liberazione di Sesto (1° settembre).

Parsifal Sesto
Foto ripresa dal sito internet del Centro Parsifal
Parsifal (Barducci-Allegra)
Da sinistra: Carlo Barducci e Stefano Allegra

Tuttosesto.net ha intervistato Carlo Barducci, responsabile del Centro Parsifal, e Stefano Allegra, uno degli insegnanti della scuola di musica del Parsifal.

CARLO BARDUCCI

Com’è l’idea del Centro Artistico Musicale Parsifal e perché questo nome?
L’idea è nata da mio padre Alfredo Barducci che aveva uno studio di registrazione in via Vanini, vicino al Ponte Rosso a Firenze, dove lavoravano già tantissimi personaggi. Negli anni ottanta c’erano gruppi che cercavano una sala prove. Nacque così l’idea di realizzare il Centro Musicale Parsifal. Mio padre e i suoi colleghi si ritrovarono a parlare a una tavola rotonda. Perceval era uno dei Cavalieri della Tavola Rotonda, da qui il nome Parsifal“.

Com’è organizzato il lavoro e com’è strutturato il Centro Musicale Parsifal?
Il Centro ha un buono staff composto da quattro persone. Offriamo vari servizi ai clienti: li accompagniamo nei box, li aiutiamo nei suoni, li sistemiamo nelle posizioni corrette per provare. Il Centro ha otto sale prove, è uno studio di registrazione e una scuola di musica. In più organizziamo eventi, concerti e diamo la possibilità di noleggiare impianti audio e luce. La scuola di musica del Centro Musicale Parsifal è nata nel 2018. E’ pensata per le famiglie e per i giovani e l’abbiamo realizzata abbassando i costi. Comune di Sesto Fiorentino e Unicoop sostengono la struttura”. 

Al Centro Parsifal hanno suonato, registrato e talvolta inventato i loro successi grandi artisti della musica italiana e non. Facci qualche nome.
Litfiba, Irene Grandi, Marco Masini, Paolo Vallesi. Abbiamo avuto anche il CSI (Consorzio Suonatori Indipendenti) che aveva uno studio di registrazione a Calenzano. Da lì sono usciti fuori tanti gruppi come i Marlene Kuntz e i La Crus“.

Quali sono stati gli ultimi artisti ad aver frequentato il Centro Parsifal?
“Piero Pelù e la Bandabardò”.

Hai degli aneddoti simpatici da raccontare?
Niente di particolare, sono tutti professionisti. Quando arrivano al Centro Parsifal, hanno bisogno di lavorare e di finire i propri progetti. Sono persone tranquille con cui lavoriamo bene“.

L’ultimo evento organizzato, anche, dal Centro Parsifal è stato “Liberi Tutti”. Un bilancio?
Bilancio più che positivo, è stata una bella manifestazione di dieci giorni con tantissimi gruppi. Vorrei sottolineare il contest per ragazzi che ha aperto il concerto della Bandabardò il primo settembre. La loro esibizione è stata il clou di Liberi Tutti, ma grande successo anche per gli altri artisti. Grazie anche allo street food, la gente ha avuto modo di stare insieme e di trascorrere piacevoli serate“.

Quali sono i progetti futuri del Centro Parsifal?
“Visto che stiamo parlando di musica, direi lo scopriremo solo vivendo. Aspettiamo informazioni dal Comune di Sesto Fiorentino”.

STEFANO ALLEGRA

Partiamo dalle basi. Chi è Stefano Allegra? Descriviti un po’.
“Ormai mi sento anziano, specialmente se devo rispondere a questa domanda (ride, ndr). Sono un umile musicista. Negli anni d’oro, cioè quando a Firenze circolavano tanti cantanti, ho avuto la fortuna di esserci. Ho suonato con e per Raf, Masini, Tozzi, Pausini ecc”.

Il Centro Musicale Parsifal ha, da poco tempo, una propria scuola di musica. Quando e com’è nata?
La scuola di musica è nata l’anno scorso. Negli ultimi anni il Centro Parsifal ha ospitato varie scuole e nel 2018 è iniziata questa nuova esperienza, anche se i meccanismi sono già rodati. E’ una scuola senza limiti d’età, ovviamente aperta anche a coloro che iniziano da zero. Grazie al Comune di Sesto e a Unicoop Firenze i prezzi sono agevolati. Il prezzo annuale è di 450 euro e i corsi durano otto mesi. Gli insegnanti sono quelli della musica moderna, per cui ci sono insegnanti di basso, batteria, chitarra, tastiere, voce e sax“.

Qual l’obiettivo della scuola di musica Parsifal?
Il Centro Parsifal è ben attrezzato per la musica suonata. La scuola è mirata al suonare, al divertimento finale, cioè mettere in piedi una band ed esprimersi in una performance pubblica. Qui ci sono sale attrezzate, insonorizzate, con strumenti già presenti. Chi viene qui ha la possibilità di suonare, creare gruppi e sfruttare tutto ciò che viene organizzato dal Centro Parsifal“.

Quanti insegnanti ci sono e tu cosa insegni?
“Per ogni corso ci sono più insegnanti. Io sono un bassista, insegno basso e musica d’insieme”.

Per chi è meno esperto: una definizione di musica d’insieme?
Può voler dire tante cose. La parola stessa lo spiega: è il corso principe che riunisce gli allievi dai vari corsi, formando band. Secondo me è il divertificio della scuola. La nostra è pensata per preparare repertori che verranno poi sfruttati nelle rassegne estive“.

A tuo avviso chi è il miglior bassista?
“Non c’è. Ci sono dei Leonardo da Vinci e dei Michelangelo. Adesso ci sono migliaia di musicisti incredibili, mentre in passato c’erano 2-3 personaggi rivoluzionari, Jaco Pastorius per dirne uno. Erano punti di riferimento unici. Io ho seguito Pastorius stesso, Stanley Clarke, Alphonso Johnson: erano i fari di ogni principiante”.

STEFANO NICCOLI

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO