Nardella: “In zona rossa per due settimane”

0
356
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Intervenuto alla trasmissione “Pentasport” in onda su Radio Bruno Toscana, il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha parlato del passaggio della Toscana da zona arancione a rossa:

Ho detto più volte che essere nella zona rossa non deve essere presa come un’offesa o una punizione, c’è un meccanismo che prevede certi provvedimenti quando si superano determinati livelli. In Toscana il tasso di contagiosità è il più alto d’Italia e questo ci ha fatto scivolare in fascia rossa.

Capisco le critiche e le perplessità, ma ora le polemiche non servono. Dobbiamo impegnarci al massimo perché come si entra, possiamo uscire dalla zona rossa e scendere sotto i 2.000 contagi al giorno. L’obiettivo deve essere diminuire la contagiosità e potenziare al massimo la risposta del sistema sanitario.

Perché siamo finiti in questa situazione? La fascia rossa non è un cartellino rosso. Non è un bollino sulla qualità del sistema sanitario. Abbiamo ospedali di ottima efficienza con medici bravissimi. Il problema è il contagio. Più volte ho richiamato l’attenzione sull’importanza dell’evitare gli assembramenti. In Toscana è stato fatale l’indice Rt, che ha superato l’1,5 (per ogni persona contagiata, se ne contagia una e mezzo). A lasciare perplessi è la velocità con cui siamo passati dalla fascia gialla a quella rossa.

Fino al 3 dicembre non ci spostiamo? Per scendere di fascia, per due settimane consecutive bisogna avere i dati bassi, diminuire Rt e tutti gli altri fattori. Quindi per i prossimi 14 giorni saremo in fascia rossa. Se torneremo in fascia arancione, non potremo in ogni caso pensare di vivere un Natale come gli altri anni. Ci inventeremo un modo diverso per festeggiare il nuovo anno”.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO