Piano della Mobilità di Calenzano: presentati gli scenari progettuali

0
60
Piano-mobilità-Calenzano

Presentati ieri in diretta streaming gli scenari progettuali del Piano della Mobilità, sulla base delle indagini fatte e delle osservazioni ricevute nei mesi passati. Decine di cittadini collegati online, il piano è consultabile sul sito del Comune del Comune.

 

Abbiamo voluto portare avanti il percorso di partecipazione sul Piano della Mobilità – ha commentato il Vicesindaco Alberto Giusti -, nonostante si sia stati costretti a organizzare online parte degli incontri. La mobilità pubblica e privata è al centro delle trasformazioni della nostra epoca e le limitazioni di questo periodo ci spronano a trovare delle soluzioni efficaci anche dal punto di vista ambientale e della sostenibilità dei nostri centri urbani”.

Fra gli obiettivi del piano c’è l’incremento della mobilità pedonale e ciclabile per gli spostamenti brevi, dato che le indagini hanno rilevato il diffuso uso dell’auto per spostamenti inferiori a due km. L’altro obiettivo importante consiste nell’allontanare dalla viabilità urbana i mezzi pesanti che non sono diretti a Calenzano, dirottandoli su strade extraurbane come la Perfetti-Ricasoli.

Abbiamo bisogno di cambiare le nostre abitudini – ha concluso Giustie per farlo abbiamo costruito insieme ai cittadini un piano ambizioso, che vuole portare dagli attuali 16,7 km di piste ciclabili ad oltre 50 km di percorsi e da 1,1 a circa 34 ettari di luoghi a traffico pedonale agevolato. Non prevediamo parcheggi a pagamento ma zone con sosta a tempo, per consentire una rotazione a garanzia delle attività commerciali e abbiamo previsto l’istituzione di 14 ‘zone 30’ con accorgimenti per diminuire la velocità”.

Il Piano della Mobilità sarà inoltre integrato con il Piano Operativo Comunale per gli interventi strutturali, che riguardano oltre alle nuove piste ciclabili, nuove strade di raccordo del tessuto viario esistente e alcuni sensi unici che hanno un impatto strutturale sulla circolazione.

Nei prossimi giorni si aprirà un confronto con i Comuni limitrofi e con le grandi aziende del territorio che, in base agli ultimi decreti governativi, hanno l’obbligo di adottare piani di mobilità per i propri dipendenti.

Fino al 20 novembre potranno essere inviate ulteriori osservazioni all’indirizzo [email protected], dopo di che inizierà il percorso amministrativo, insieme al Piano Operativo Comunale, per l’adozione da parte del Consiglio Comunale.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO