Stefano Rolle è il nuovo presidente del CAI Sesto Fiorentino

0
370
Stefano Rolle

Stefano Rolle, editore, è il nuovo presidente della sezione di Sesto Fiorentino del Club Alpino Italiano. La nomina da parte del Consiglio Direttivo è avvenuta dopo le recenti elezioni di sezione. Rolle prende il posto di Osvaldo Landi, presidente uscente rimasto in carica tre anni.

Tra gli obiettivi del nuovo presidente c’è quello di incrementare la collaborazione con le altre associazioni del territorio, soprattutto La Racchetta, Pro Loco e Legambiente.

“Ritengo importante consolidare l’impegno civico e sociale del CAI, che fa parte della Protezione civile comunale – dichiara il neo presidente Rolle –. Questo sulla scia di quanto fatto in questo periodo di emergenza sanitaria, come la consegna di medicinali e la spesa a domicilio degli anziani, in collaborazione con l’Auser; la distribuzione delle mascherine alla cittadinanza, dove abbiamo partecipato con 20 volontari; il servizio d’ordine per l’ingresso ai seggi elettorali, con 13 volontari. E inoltre proseguire la collaborazione con l’Amministrazione comunale per lo sviluppo ambientale, culturale e turistico del territorio, un trinomio che considero inscindibile”.

Nel 1932, 17 soci fondatori provenienti quasi tutti dal settore escursionistico della Società Sportiva Libertas, costituirono la sottosezione sestese del CAI dipendente dalla Sezione fiorentina fondata nel 1868. Nel 1938 la sede centrale di Roma, viste la quantità e la qualità dell’attività svolta, decise il passaggio a Sezione. La sede, fino ad allora assai precaria, fu stabilita nei locali dell’ex palazzo Pretorio di piazza Ginori.

Oggi la sezione di Sesto Fiorentino del CAI, la cui sede è a Casa del Guidi in via Veronelli, associa 500 tesserati.

Molte sono le attività proposte: oltre alle gite escursionistiche e a quelle di sci, che hanno animato la Sezione per molti anni, c’è un nutrito gruppo di arrampicatori capace e motivato; una Scuola di Alpinismo in continua crescita tecnica; la palestra di arrampicata installata presso il Liceo Agnoletti; il Progetto Oltre l’Ostacolo, con escursioni volte a far partecipare anche persone disabili; la manutenzione e la segnaletica dei 120 km di sentieri su Monte Morello; le serate culturali e gli incontri con famosi alpinisti; i corsi e le gite cicloescursionistiche; la pubblicazione della Carta e della Guida dei sentieri di Monte Morello.

Tutte attività che, per la serietà e la costanza dell’impegno profuso, hanno fatto apprezzare la Sezione sestese del CAI fino a farla considerare una vera e propria “istituzione” cittadina.

Stefano Rolle

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO