“Viaggiare leggeri”: al via la nuova stagione del teatro Manzoni di Calenzano

0
140
Teatro Manzoni
TuttoSesto

La nuova stagione del Teatro Manzoni di Calenzano quest’anno ha per titolo “Viaggiare leggeri”. Una stagione che vede alternarsi teatro civile con teatro leggero, teatro di narrazione e teatro comico. Il viaggio dentro la realtà, dentro la storia e dentro le storie, affrontato con quella che ormai da tre anni è la filosofia del Teatro Manzoni: la ricerca della leggerezza, nella sua accezione più alta e più lontana dalla superficialità. “leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto”, come teorizzava Italo Calvino. E in questa unione di viaggio e leggerezza la stagione del Teatro Manzoni si snoda offrendo spettacoli di qualità e spaziando dalla prosa alla musica, dalla letteratura alla drammaturgia contemporanea. Marco Baliani, Andrea Pennacchi, Valeria Solarino, Massimo Venturiello, Oscar De Summa sono solo alcuni protagonisti del cartellone che accompagnerà il pubblico da ottobre ad aprile.

Una stagione che vede confermarsi con successo una collaborazione importante, quella tra il Comune di Calenzano e la Fondazione Toscana Spettacolo Onlus (riconosciuta dal Ministero della Cultura come primo Circuito Multidisciplinare in Italia per il 2023).

L’adesione al Circuito Regionale Multidisciplinare da parte del Comune permetterà al cartellone 2023/24 del Manzoni di arricchirsi con quattro spettacoli di altissima qualità.

“Con grande soddisfazione presentiamo la nuova stagione del nostro Teatro comunale – commenta l’assessora alla Cultura Irene Padovaniche vuole rivolgersi a un pubblico vario ed eterogeneo. Anche quest’anno vediamo la preziosa collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo, che ci supporta con spettacoli di alto livello. Il Teatro Manzoni punta infatti a ospitare importanti produzioni e nello stesso tempo a dialogare con le varie realtà culturali e associative di Calenzano, in modo che qualità e apertura al territorio siano gli elementi distintivi. L’Amministrazione comunale continua a investire in cultura, non solo in termini di offerta, ma anche nelle strutture che la ospitano. In primavera prossima, al termine della stagione, inizieranno i lavori di efficientamento energetico che renderanno i locali del Teatro Manzoni ancora più confortevoli, accoglienti e attenti all’ambiente”.

“Confermiamo con soddisfazione la collaborazione con il Comune di Calenzano – spiega la presidente della Fondazione Toscana Spettacolo Onlus, Cristina Scalettiproponendo all’interno della stagione teatrale 2023/24 quattro spettacoli che uniscono qualità, innovazione, importanza e attualità dei temi trattati. Gerico innocenza rosa con Valeria Solarino, Da qui alla luna con Andrea Pennacchi, L’amica geniale a fumetti di Chiara Lagani e il lavoro su Beckett di Nerval Teatro, che vedrà sul palco l’attore con disabilità Carlo De Leonardo con Maurizio Lupinelli, arricchiscono un cartellone che saprà valorizzare il Manzoni nella sua funzione di presidio culturale aperto al territorio”.

“L’ottimismo del viaggiatore è un bagaglio leggero, da poter riempire durante il suo andare, così noi ci auguriamo che il pubblico entri con un bagaglio capace di accogliere tutto quello che troverà in teatro e che se ne vada con gli occhi e il cuore, pieni di meraviglie.
Questo terzo anno del Teatro Manzoni sarà quello del consolidamento. Sul territorio, delle proposte artistiche e delle produzioni interne, sempre perseguendo l’obiettivo di coniugare qualità e leggerezza. La stagione rispecchia questa tendenza, con la conferma di artisti che hanno già calcato il palco del teatro, come Baliani e Fallongo, e l’apertura a nuove proposte come lo spazio, all’interno della programmazione, dedicato al comico, con gli spettacoli di Roberto Ciufoli, Andrea Kaemmerle e Marco Cavallaro” sono le parole dei direttori artistici de La Macchina del Suono e del Teatro Manzoni Fabrizio Checcacci, Lorenzo Degl’Innocenti e Roberto Andrioli.

Si parte con la nuova produzione de La Macchina del Suono, Tutti I Libri Del Mondo, O Quasi, In 90 Minuti (dal 13 al 15 ottobre), diretto e interpretato da Roberto Andrioli, Fabrizio Checcacci e Lorenzo Degl’Innocenti, in prima assoluta. Una nuova commedia, inedita per l’Italia, degli autori de “Le opere complete di Shakespeare in 90 minuti” (che i nostri portano in giro per l’Italia da anni) dove tre attori mettono in scena oltre 90 libri in 90 minuti. Uno spettacolo pirotecnico, una strepitosa corsa sulle montagne russe attraverso una raccolta comicamente compatta della più grande letteratura del mondo. Dall’Ulisse de L’Odissea all’Ulisse di Joyce, da Dickens a Harry Potter, da Moby Dick all’epopea di Guerra e Pace… e altro ancora!

Un’intera sezione della stagione è dedicata al teatro comico. In questa troviamo il rinnovarsi di collaborazioni che già hanno dato i loro frutti nelle precedenti stagioni: quella con Guascone Teatro, che quest’anno porta L’uomo tigre (venerdì 27 ottobre), il poetico viaggio di due eroi del liscio ad opera di Andrea Kaemmerle tra confessioni e surreale comicità; quella con Roberto Ciufoli che in Tipi (sabato 13 gennaio), come in un ironico trattato di antropologia, scava nei comportamenti umani e li esamina. Si va dal timido che si vergogna di tutto, al coatto che urla e si vanta, e poi ancora l’indeciso, lo sportivo, il pigro, l’ubriaco, l’eroe; infine, quella col Teatro Tor Bella Monaca di Roma che con Come ammazzare la moglie o il marito senza tanti perché (sabato 23 e domenica 24 marzo) porta in scena a Calenzano un classico dell’umorismo di Antonio Amurri, autentico ed ironico spaccato di costume dei nostri anni ’70, interpretato da Marco Cavallaro.

Il teatro di narrazione avrà invece tre appuntamenti d’eccezione. Nel primo Massimo Venturiello sarà il protagonista de La prima indagine di Montalbano (sabato 24 novembre) di Andrea Camilleri. È il testo in cui prendono vita i personaggi dei successivi numerosi romanzi che hanno conquistato l’interesse di milioni di lettori. Massimo Venturiello porta sul palcoscenico, con la vis teatrale che lo contraddistingue, il testo di Andrea Camilleri in un progetto tutto nuovo da lui ideato. Poi Oscar De Summa con La sorella di Gesucristo (sabato 16 dicembre) racconta come una violenza subita da una giovane donna, Maria, porti la stessa a percorrere il proprio piccolo paese, in una calda ed assolata giornata pugliese, come fosse una via crucis, impugnando una pistola e ticchettando i propri passi sul selciato, come a scandire un tip-tap della tragedia. Tornerà poi al Manzoni un’autentica eccellenza del teatro come Marco Baliani con il suo Corpo di stato, (sabato 24 febbraio), un capolavoro del nostro teatro civile, che parte dal ritrovamento del corpo di Aldo Moro in via Caetani e usa quell’episodio come mappa di un suo personalissimo viaggio nella memoria.

Il teatro della leggerezza in musica sarà invece rappresentato da due spettacoli al femminile. Una storia impreziosita da musiche e canzoni popolari eseguite dal vivo ce la racconta Agnese Fallongo con la sua Letizia va alla Guerra (venerdì 26 gennaio), quella di tre donne (una suora, una sposa e una prostituta) tra le due guerre mondiali, accomunate da uno stesso nome e da un unico destino. Un brillante, triplo “soliloquio dialogato”, che, pur nel suo retrogusto amaro, saprà accompagnare lo spettatore in un viaggio ironico e scanzonato. Ladyvette – Le dive dello swing (sabato 10 febbraio) invece è il racconto di tre giovani impegnate a diventare il trio più famoso dell’italietta degli anni 30 del novecento. Una produzione del Teatro Manzoni che vede tra gli autori anche Lillo Petrolo: in un’atmosfera a tratti esaltante e a tratti malinconica lo spettacolo passa dalla drammaticità, all’ironia, alla comicità tra swing e canzoni dal gusto retrò.

La collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo Onlus porta in cartellone tre spettacoli di altissima qualità a partire da novembre, con grandi protagonisti del nostro teatro contemporaneo: Valeria Solarino, che mette in scena Gerico Innocenza Rosa (domenica 12 novembre), la storia di Vincenzo e del suo percorso di “transizione” verso la sua nuova identità di Innocenza Rosa, narrato alla madre e alla nonna attraverso un dialogo alla ricerca dell’amore; Andrea Pennacchi alle prese con Da qui alla luna (sabato 2 dicembre), il racconto della tempesta che colpì le Alpi orientali nel 2018, una narrazione a più voci che ci ricorda quanto sia fragile il pianeta in cui viviamo; L’amica geniale a fumetti (una produzione Fanny & Alexander) di e con Chiara Lagani, che mette in scena la graphic novel ispirata ai testi di Elena Ferrante (sabato 3 febbraio).

Tra marzo e aprile 2024 avrà poi luogo la rassegna Incontri, dedicata alla nuova drammaturgia, che giunge quest’anno alla sua terza edizione. In cartellone una serie di spettacoli dedicati, scritti e interpretati da giovani autori e attori: un teatro rivolto ad un pubblico giovane, ma non solo, in cui viene dato ampio spazio a temi e linguaggi innovativi, vicini alle nuove generazioni. Primo appuntamento in programma La buca (domenica 3 marzo), ancora in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo: un esperimento di Nerval Teatro che rappresenta l’avvio di una progettualità teatrale che ha come protagonista Carlo De Leonardo, attore con disabilità, che ci restituirà l’essenza stralunata e surreale dei personaggi di Samuel Beckett.

Alla stagione di prosa principale si affiancherà una corposa stagione di Teatro Ragazzi.

La sperimentazione effettuata durante gli scorsi anni ha ricevuto seri apprezzamenti e gli spettacoli sono andati quasi tutti in sold-out. Per questo abbiamo deciso di organizzare una nuova stagione con dieci appuntamenti dedicati al teatro per famiglie. Inizieremo domenica 22 ottobre con L’Incredibile Urk di TeatroLà, e proseguiremo anche con proposte di altre produzioni come Dance Performance, Teatro del Cestello, Teatro delle Commedie e Bottega In Stabile fino a marzo 2024. Il programma completo sul sito del Teatro Manzoni, www.teatromanzonicalenzano.it.

INIZIO SPETTACOLI ore 21.15 (eccetto dove indicato)

È consigliata la prenotazione o l’acquisto in prevendita.

Per prenotare, [email protected]

BIGLIETTI. Intero: 14 €.

Ridotto under 20, over 65, soci Coop e iscritti Scuola FOÀ: 12 €.

Prevendite www.ticketone.it e punti vendita Box Office Toscana

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO