Servizio ferroviario scadente e degrado in piazza Galvani: i risultati del questionario di Insieme Cambiamo Sesto

0
254
Da sinistra: Serena Terzani, Tommaso Fattori, Maurizio Quercioli

Piazza Galvani protagonista della rinascita di Sesto Fiorentino. E’ questo l’obiettivo di Insieme Cambiamo Sesto. Tra novembre e dicembre 2017 la coalizione guidata da Maurizio Quercioli ha distribuito ai cittadini un questionario incentrato sul servizio ferroviario e sull’assetto urbanistico della zona della stazione.

Le maggiori criticità messe in evidenza dall’indagine sono state il degrado dell’area (52,61%), le difficoltà nell’acquisto dei biglietti (52,61%), la scarsa frequenza dei treni (50%), la sicurezza (48,13%) e l’integrazione dei mezzi pubblici (47,76%).

Sul piano della vivibilità nella zona della stazione, gli intervistati – la cui età media è stata di 51 anni – hanno sottolineato la mancanza di illuminazione e di servizi, la microcriminalità, l’assenza di controlli e la carenza di decoro urbano. Biglietteria, bar, centri per giovani e anziani, attività commerciali, ambulatorio medico, servizio taxi, verde pubblico sono alcune delle proposte avanzate per risolvere i problemi citati sopra.

Discorso a parte merita la pianificazione urbanistica. In piazza Galvani e nelle aree limitrofe ci sono edifici industriali dismessi, in via di dismissione e/o parzialmenti utilizzati come l’ex scalo Merci FS, il fabbricato di Stazione FS e il magazzino dell’Enel.

Quali potrebbero essere le linee d’intervento? Prima di tutto coinvolgere i vari attori interessati: FS, Ataf, Città Metropolitana, Regione, amministrazione comunale. In secondo luogo verificare l’ipotesi di FS di aumentare la frequenza dei treni di una corsa all’ora nella tratta Sesto-Firenze. Infine fare in modo che il biglietto treno-bus sia integrato e sincronizzare gli orari dei treni e dei bus. Tra gli altri interventi non complessi, gli intervistati – i giovani di meno di vent’anni sono stati solo il 2% – hanno proposto: revisione della viabilità pedonale, attivazione degli ascensori per invalidi e anziani, installazione di dossi artificiali e di display con informazioni sui treni sui tre marciapiedi di attesa, pulizia, depurazione del torrente Gavine, eliminazione dei cassonetti con introduzione del porta a porta, spostamenti dei cantieri fissi per la manutenzione dei marciapiedi, incentivazione del parcheggio a lato sud e divieto d’accesso ai pullman turistici in piazza Galvani.

Il nostro interlocutore non è solo il Comune di Sesto. Anche la Regione, insieme ad altri attori, deve risolvere queste questioni, noi formuliamo delle ipotesi – ha detto Maurizio Quercioli, capogruppo di Insieme Cambiamo Sesto -. Le corse sono poche e anche la qualità del viaggio relativamente ai biglietti deve esser presa in considerazione. I biglietti dei mezzi dovrebbero essere integrati e valere per tutto il territorio, almeno da Sesto a Firenze. Da un punto di vista dell’età, ci dispiace che i giovani che hanno partecipato al questionario siano stati solo il 2%. Forse non colgono questo metodo d’indagine tradizionale. Importante è anche l’interscambio bici-treno. Il punto fondamentale è rappresentato dalle piste ciclabili. Le biciclette, però, sono utilizzate poco perché sono soggette a furti. Servirebbe più sicurezza attraverso la maggior presenza di persone e di polizia“.

Sarebbe importante rivitalizzare la zona della stazione, in quell’area e intorno ad essa ci sono cattedrali nel deserto – ha aggiunto Tommso Fattori, consigliere regionale di Sì Toscana a Sinistra -. Sul piano del trasporto, bisogna superare quello privato, sopratttutto nelle grandi aree. Ascoltare le persone con questa indagine è stato il metodo giusto. Mi impegno nel portare atti concreti in Regione. In tempi brevi e medi dovremo puntare al rafforzamento di qualche corsa nella tratta Sesto-Firenze. A medio lungo termine, invece, dovremo cercare di fare in modo che, dei quattro binari, due siano dedicati alla metropolitana di superificie. Sarebbe una rivoluzione nell’intera area regionale”.

STEFANO NICCOLI

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO