8 settembre 1984 – Fierucola del pane

0
156
Piazza Santissima Annunziata-Istituto degli Innocenti 2
TuttoSesto

Firenze 365, la rubrica curata da Daniele Niccoli, autore del libro omonimo edito da apice Libri 

Fatti e aneddoti legati alla storia della città di Firenze raccontati giorno per giorno

Un aiuto per conoscere la nostra semenza e per intuire il nostro futuro.

Considerate la vostra semenza:
fatti non foste a viver come bruti
me per seguir virtute e canoscenza   (Dante, Inferno, canto XXVI)

8 settembre 1984 – Fierucola del pane

L’8 settembre 1984 si svolse in piazza della Santissima Annunziata la prima edizione della fierucola del pane. La manifestazione si proponeva da una parte la celebrazione dei prodotti coltivati in maniera totalmente naturale e dall’altra la rievocazione della festa della Natività di Maria che anticamente richiamava a Firenze i contadini per il pellegrinaggio e per il commercio dei loro prodotti.

I coloni raggiungevano la città nella serata della vigilia percorrendo strade e sentieri resi bui dal sopraggiungere della notte. Per illuminare il loro cammino si servivano di lanterne luminose e colorate appese a bastoni o canne. Alla luce di questi lampioncini, una volta giunti in piazza, contadini e contadine cantavano le lodi alla Madonna. Vestivano in modo rustico e per questo erano oggetto di canzonature da parte dei giovani fiorentini, già, per natura, predisposti allo sberleffo. Le donne, soprattutto quelle in carne e con i fianchi molto larghi diventavano così le fierocolone o fieroculone a seconda che si volesse indicare le loro origini contadine o si volesse fare riferimento al grosso deretano. Comunque si trattava di criticare la loro scarsa eleganza e magari la relativa cura dell’igiene personale.

Nel tempo la parola utilizzata per indicare le contadine si è trasformato in rificolona, termine che oggi indica non solo lampionicini di carta, ma anche le donne vestite e truccate senza gusto e in maniera appariscente. La tradizione dei lampioncini ha resistito fino ai giorni nostri. La sfilata delle rificolone è un evento fisso del folklore popolare fiorentino e si svolge tutti gli anni la sera del 7 settembre.

Ona ona
Ma che bella rificolona
E la mia l’è coi fiocchi
E la tua l’è co’ pidocchi
Ona ona
Ma che bella rificolona
L’è più bella la mia
Che quella della zia

In tempi recenti la festa ha cominciato a svolgersi anche sull’Arno. Barconi illuminati da numerosi lampioncini scorrono lentamente sul fiume trascinati dalla corrente raccogliendo gli applausi dalle spallette dei lungarni e dai ponti compresi fra la pescaia di San Niccolò e quella di Santa Rosa.

Entro dei ponti tuoi multicolori
L’arno presago quietamente arena
E in riflessi tranquilli frange appena
archi severi tra sfiorir di fiori (Dino Campana)

Daniele Niccoli

Per leggere le puntate precedenti clicca qui e vai sulla pagina del sito tuttosesto.net 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO