Primo maggio: a Sesto corteo e comizio col sindaco di Campi, Andrea Tagliaferri, e Erika Caparrini della Cisl

0
125
Falchi sul palco del Primo Maggio a Sesto

Del Primo Maggio non possiamo fare a meno; e ogni anno è sempre più sentita la necessità di parlare di lavoratori e di lavoro. Nelle nostre piazze vogliamo ragionare di responsabilità di tutti verso un’Europa di pace e di giustizia sociale: non c’è lavoro dignitoso, non ci può essere un’economia sana, non ci possono essere regole giuste e spazi di sviluppo vero, senza una pace duratura, capace di superare qualsiasi barriera sociale, religiosa e ogni pregiudizio ideologico. Per questo il tema che abbiamo scelto per questo 1° Maggio 2024 è: “Costruiamo insieme un’Europa di pace, lavoro e giustizia sociale”.

E’ una festa del lavoro in cui ancora c’è tanto da conquistare -dice il segretario generale Cgil Firenze, Bernardo Marasco-. Il lavoro svilito e destrutturato porta a due emergenze, che incontriamo anche nel nostro territorio: il lavoro povero e la mancanza di sicurezza sul lavoro. E spesso le due cose sono connesse, come si vede dalle dinamiche generate dai sistemi di subappalti, che vanno superate. Per questo vogliamo che attraverso le tradizionali manifestazioni la giornata del Primo Maggio, oltre ai temi dell’Europa sociale, riporti al centro dell’agenda delle istituzioni e della politica l’esigenza di un nuovo modello di lavoro, stabile e di qualità, presupposto per un nuovo modello di sviluppo socialmente e ambientalmente sostenibile.”

Ci ritroveremo, unitariamente, nelle piazze del nostro territorio – dice il segretario generale della Cisl Firenze-Prato, Fabio Franchiper ribadire che il sindacato continua nella sua azione di prendersi cura del lavoro e dei lavoratori, perché è un atto di democrazia, perché è un atto di partecipazione ed è un atto di giustizia sociale. Chiederemo a gran voce a tutti i responsabili della Terra di attivarsi responsabilmente per un rinnovato e concreto impegno per la pace giusta e la democrazia, in Europa e nel mondo.”

Sicurezza, lavoro povero, carenza di investimenti: quello di quest’anno sarà un Primo Maggio ancora una volta di mobilitazione, in cui al centro c’è il tema della giustizia sociale – dice il segretario generale Uil Firenze, Paolo Fantappiè-. Sulla sicurezza sul lavoro, visto che i numeri nel 2024 continuano ad aumentare, chiediamo l’istituzione di una procura speciale e del reato di omicidio sul lavoro, oltre a norme che non permettano ai datori di lavoro responsabili di infortuni – mortali e non – di partecipare ai bandi pubblici. In Toscana e a Firenze è presente e radicato anche il fenomeno del lavoro povero: sono decine di migliaia le persone che guadagnano meno di mille euro netti al mese e tre quarti i contratti che sono precari, senza contare il mancato rispetto della contrattazione collettiva nazionale

LE PIAZZE:

Sesto Fiorentino:
Il corteo partirà alle 10.15 da Piazza Ginori a Sesto Fiorentino dove terminerà con gli interventi del sindaco di Campi Bisenzio, Andrea Tagliaferri e della Segretaria della CISL Erika Caparrini. Saranno presenti i sindaci dei comuni della Piana.

Empoli:
Il corteo partirà alle ore 9.30 da Via Roma/Piazza Don Minzoni. Saluti di apertura a cura di Daniela Scarlata Cisl Scuola e Conclusioni a cura della Cgil.

Pontassieve:
Ritrovo ore 10 in Piazza Vittorio Emanuele di fronte al Comune. Comizio conclusivo in Piazza Verdi – San Francesco – con le conclusioni del Segretario Uil Paolo Fantappiè.

Barberino:
Ritrovo ore 9.30 in Piazza Cavour e corteo per le vie cittadine. Saluti del Sindaco G. Mongatti. Comizio conclusivo con Daniele Collini Responsabile Cgil Mugello.

Fiesole:
Comizio conclusivo a cura di Uil.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO