Calenzano: il teatro Manzoni ospita “La prima indagine di Montalbano”

0
108
Massimo Venturiello

Nell’ambito della stagione teatrale 2023-34, il teatro Manzoni di Calenzano (via Mascagni 18) ospiterà lo spettacolo “La prima indagine di Montalbano” di Massimo Venturiello. L’appuntamento è per venerdì 24 novembre alle ore 21.15.

Biglietti
Intero: 14 euro
Ridotto over 65, Soci Coop, allievi Scuola Foà: 12 euro
prevendite su www.ticketone.it
prenotazioni: [email protected]t

La prima indagine di Montalbano di Andrea Camilleri è quella da cui tutto ebbe inizio. Quella in cui prendono vita i personaggi dei successivi numerosi romanzi che hanno conquistato l’interesse di milioni di lettori. Massimo Venturiello porta sul palcoscenico del Teatro Manzoni venerdì 24 novembre, con la vis teatrale che lo contraddistingue, il testo di Andrea Camilleri in un progetto tutto nuovo da lui ideato. E’ qui che nasce Salvo, il commissario Montalbano. Al suo fianco ci sono il suo vice, nonché amico Mimì Augello ed il fedele ispettore Fazio. Un monologo di circa ottanta minuti, in cui Massimo Venturiello giganteggia sulla scena e si districa tra i vari personaggi.

Teatro Manzoni
TuttoSesto

L’idea di portare per la prima volta in teatro il commissario più famoso della narrativa contemporanea italiana – spiega Venturiello in una nota stampa – è nata in seguito allo straordinario successo che hanno ottenuto gli audiolibri, recentemente pubblicati in Rete, che ho avuto il privilegio di interpretare. Ho dovuto ridurre, per ovvie esigenze teatrali, il testo, ma i libri di Camilleri contengono già una forte struttura teatrale con personaggi vivi, caratterizzati, secondo le regole del teatro che il Maestro, uomo di teatro, conosceva benissimo. Testi da cui la lingua da lui inventata, carica di musicalità, arriva nella sua interezza a chiunque: la parola diventa immagine ammaliante, la trama inchioda e non consente distrazione alcuna. Ho sentito la naturale esigenza di proseguire il percorso iniziato allestendo un monologo teatrale su “La prima indagine di Montalbano”: il testo dove nasce il commissario Montalbano, certamente ancora ignaro del luminoso destino che il genio del grande Camilleri gli stava riservando”.

In un’intervista rilasciata nell’estate 2022 dopo il ritiro del Premio “Peppe Natella” a Salerno, alla domanda “Che ricordi ha di Camilleri?” Massimo Venturiello ha risposto: “Ebbi modo di lavorare con lui a metà degli Anni Ottanta, poi fu lui che mi volle per il progetto della lettura dei suoi testi. Era già purtroppo non vedente, ma di una lucidità straordinaria. Ricordo le nostre conversazioni sulla fortuna televisiva di Montalbano, sui confronti tra libri e fiction. Un grande intellettuale, un uomo di notevole umanità. Dava forma e vita alla sua opera”.

Il monologo attinge dalla raccolta LA PRIMA INDAGINE DI MONTALBANO, firmata da Andrea Camilleri e pubblicata nel 2004, che comprende tre racconti lunghi: Sette lunedìLa prima indagine di Montalbano e Ritorno alle origini. Nei tre racconti del volume Camilleri presenta un giovanissimo poliziotto, all’inizio della carriera, che intreccia una relazione non con la ben nota Livia, ma con una certa Mery. Il teatro delle sue indagini non è la solita Vigàta, ma uno sperduto paesino di montagna della Sicilia più segreta dal buffo nome di Mascalippa… Tra misteriose uccisioni di animali, ragazze troppo silenziose e troppo intriganti e il finto rapimento di una bambina, quello che risulta sempre familiare è l’incorruttibile carattere di Montalbano, per il momento ancora vicecommissario e con qualche intemperanza giovanile in più, ma già riconoscibile come uno dei più umani e amati protagonisti della narrativa italiana contemporanea.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO