IV Sesto: “Ok percentuale raccolta differenziata, ma perché Tari non diminuisce?”

0
346
Italia Viva Sesto Fiorentino

La domanda è stampata sul volantino distribuito ai sestesi in un freddo sabato mattina di fine marzo: perché, con quasi l’85% di raccolta differenziata, la tassa sui rifiuti per famiglie e attività economiche non si abbassa? A porsi, e porre il quesito all’amministrazione comunale guidata dal sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi, è Italia Viva.

A parlare è il coordinatore comunale Leonardo Pagliazzi: “Siamo molto contenti dei dati sulla raccolta differenziata. Ma in virtù proprio di tale risultato, ci saremmo aspettati una riduzione della tariffa sui rifiuti. Durante il prossimo Consiglio comunale presenteremo un’interrogazione su questo tema. Abbiamo fatto delle ipotesi: forse il sistema del porta a porta costa troppo. Il gioco vale la candela?

E poi dobbiamo considerare l’aspetto ambientale. A livello regionale l’obiettivo da raggiungere non riguarda solo la raccolta differenziata, ma anche la riciclata. Su questo punto c’è silenzio da parte del Comune di Sesto Fiorentino. Vorremmo sapere cosa e quanto viene riciclato“.

Leonardo-Pagliazzi
Leonardo Pagliazzi (foto: TuttoSesto)

Facciamo un passo indietro. Nel 2021 la percentuale di materiali raccolti separatamente per essere avviati a riciclo o compostaggio è stata dell’84,30%, + 8,3% rispetto al 2020 quando la percentuale di raccolta differenziata fu del 76% (I DATI COMPLETI).

Alla luce di questi numeri, Italia Viva ricorda che, nel bilancio di previsione approvato dal Consiglio comunale il 3 marzo scorso, compare una cifra di 13 milioni di euro per “la tassa di smaltimento dei rifiuti”, circa il 30% del totale del capitolo “imposte e tasse”. E qui si torna alla domanda iniziale: perché la Tari non diminuisce?

Nel volantino la sezione sestese del partito di Matteo Renzi sottolinea “l’entrata di circa 200mila euro all’anno come indennità di ‘disagio ambientale’ per la presenza della discarica di Case Passerini“. Italia Viva spera – si legge nella parte finale dello stampato – “che il grande impegno dei sestesi abbia almeno un risvolto positivo in termini ambientali. Aspetto fondamentale, certo, ma tutto da dimostrare perché il vero punto di attenzione è quanto rifiuto differenziato sia veramente riciclato“.

STEFANO NICCOLI

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO