Le liste a sostegno di Chini: “La mancata risposta di Fossi sui bilanci dimostra che il re è nudo”

0
115

Continua il botta e risposta tra Adriano Chini ed Emiliano Fossi sui conti del Comune di Campi Bisenzio.

Dopo l’attacco dell’ex primo cittadino nei confronti dell’attuale sindaco e la replica delle liste a sostegno di Fossi (Partito Democratico, Lista Emiliano Fossi Sindaco, Campinova, CampiProgressista e Progetto Campi), ecco la risposta della coalizione a favore di Chini (FareCittà, Sinistra Italiana e Sì Parco-No aeroporto, no inceneritore):

Se quello che Chini ha dichiarato sulle sue menzogne, relative ai bilanci, fosse falso, come minimo lo avrebbe querelato per diffamazione. Non lo ha fatto in passato e non lo farà nemmeno ora, perché quanto ha affermato corrisponde alla verità e chi ha la coda di paglia affida la sua difesa agli altri“.

Che Fossi non risponda direttamente ai cittadini, è un fatto gravissimo – rincara Tommaso Tofani, segretario locale di Sinistra Italiana e candidato consigliere -. Che un sindaco uscente faccia ribattere indirettamente, alle accuse circostanziate che gli sono state mosse, solo le liste che lo sostengono, o per meglio dire dai suoi “cortigiani”, dimostra che non è in grado di assumersi delle responsabilità. Cosa che peraltro ha sempre fatto in questi 5 anni. E se tocca alla corte l’onere della difesa d’ufficio, la ragione è una sola: è perché il re è nudo“.

Comunque – concludono dalla coalizione -, tutto questo lo giudicheranno i campigiani nella prossima assemblea pubblica, in cui verrà fornita la documentazione di quanto affermiamo. Ci auguriamo che sapranno distinguere tra verità e bugie anche alle urne, il prossimo 10 giugno“.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO