Lega: “Sesto è diventata oggetto di vandalismo e di violenza in strada”

0
613
Simbolo Lega

Una baby gang imperversa nel centro di Sesto Fiorentino. Su questo tema si esprime così la Lega sestese:

Quousque tandem abutere, Catilina, patientia nostra?
Lo scriveva Cicerone, chiedendosi fino a quando Catilina avrebbe abusato della pazienza del Senato e dei Romani.

E ce lo chiediamo noi, due millenni dopo, per capire fino a quando la pazienza dei cittadini sestesi sarà abusata dai continui atti di vandalismo e prepotenza nella nostra città.

Le cronache, infatti, narrano di giovanissimi che compiono atti criminali gratuiti.
Questi gruppi di ragazzi che, per noia e rabbia si danno a varie forme di devastazione, vengono denominati baby gang.

E così, anche Sesto Fiorentino che fino a poco fa era un’isola felice, è diventata oggetto di questi atti di vandalismo e di violenza in strada.
Nello specifico, questo branco, che secondo le testimonianze comprende i ragazzi dagli 11 fino ai 20 anni, si è letteralmente impadronita del centro di Sesto Fiorentino.

A subirne i danni, non solo coetanei più fragili, che la gang picchia cercando di estorcere loro soldi, ma anche commercianti già colpiti economicamente durante il lock down.

La baby gang prende infatti di mira i passanti che si fermano davanti alle vetrine, con pallonate, strattonando e insultando i malcapitati che vorrebbero fare qualche acquisto nei negozi aiutando l’economia locale.

Ma questo non è tutto, lasciano inoltre escrementi e preservativi davanti alle vetrine, entrano nei negozi e buttano giù cosa possono provocando gli esercenti con insulti e parolacce, dissuadendo così il pubblico dalla frequentazione del centro.

Pare che il branco abbia totalmente preso il controllo di via Cavallotti ritrovandosi al centro della via e facendo assembramenti senza rispetto alcuno delle norme anti covid.

I commercianti (uno dei quali ha letteralmente dovuto strappare dalle grinfie della gang un ragazzino che stavano picchiando) e i genitori dei loro coetanei presi di mira, si sono rivolti alle forze dell’ordine; con piacere abbiamo notato negli ultimi giorni più passaggi di Polizia e Carabinieri, ma non basta.

È davvero sconfortante vedere come orde di ragazzi abbiano la meglio sulla civiltà e sulla cittadinanza agendo indisturbati e con la consapevolezza di farla franca. Se non si interviene subito se rischia che la situazione sfugga ulteriormente di mano‘.  Si esprimono così i rappresentanti della Lega Sesto Fiorentino. ‘Proponiamo l’utilizzo di telecamere per il centro che possano fungere da deterrente, con un maggior pattugliamento delle strade e l’intervento dei servizi sociali” continua il gruppo della Lega Sesto Fiorentino.

Le telecamere sono molto utili per identificare chi compie reati, come nel caso del recente rogo di motorini avvenuto a Firenze, dove un diciassettenne è stato individuato proprio grazie alla presenza e utilizzo di un sistema di videosorveglianza’.
I cittadini e i commercianti si sentono inermi, spaventati e frustrati da questa situazione intollerabile.

‘E qual è la soluzione del nostro sindaco?’, continuano i rappresentanti della Lega Sesto Fiorentino. ‘Vietare di vendere qualsiasi bevanda in vetro in lattina (il divieto, in vigore dall’8 luglio, è stato di recente confermato fino al 31-12-2020, ndr) così a farne nuovamente le spese l’inciviltà e la mentalità criminale saranno i bar della nostra città. Questa è l ennesima beffa per i cittadini e commercianti onesti, i primi che si vedono reprimere le proprie libertà e i secondi che si vedono ridurre ulteriormente gli introiti. Non possiamo consentire che ciò accada per questo continueremo a lottare per tutelare la sicurezza di tutti i cittadini‘, concludono i rappresentanti della Lega Sesto Fiorentino“.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO