Martella (Ecolò Sesto): “Diffondere le Comunità Energetiche”

0
85
Stefano Martella

Il tempo si sta riducendo sempre più e la crisi internazionale ha ulteriormente ridotto questo tempo a disposizione per fare qualcosa di utile, di sensato” afferma, in una nota stampa, Stefano Martella Consigliere del gruppo Ecolò Sesto nell’ultimo Consiglio del 28 aprile a Sesto Fiorentino.

Gli aumentati e disastrosi fenomeni atmosferici, che hanno causato non pochi problemi nell’ultimo periodo, sommati alla crisi in Ucraina, che ha evidenziato la nostra debolezza energetica, ci impongono di accelerare il processo di diffusione delle Comunità Energetiche Rinnovabili, per cui il Gruppo Ecolò già si è mosso presentando una mozione, votata all’unanimità, nel Consiglio del 25 gennaio”.

Appunto per questo Martella, nell’ultimo Consiglio svoltosi in data 28 aprile, si è voluto sincerare delle azioni messe in atto relativamente alla diffusione delle Comunità Energetiche Rinnovabili, chiedendo all’Assessora Corsi di relazionare sullo stato dell’arte circa la loro diffusione, indicando quale saranno i futuri passi che l’Amministrazione vorrà intraprendere per favorire tale processo di crescita in un’ottica di aumentata autonomia energetica rispettosa dell’ambiente. Corsi non ha deluso le aspettative, dimostrando che l’amministrazione Comunale è sulla strada giusta.

In particolare, è stato fatto un incontro di approfondimento politico a cui sono intervenuti vari tecnici, gettando anche le basi per l’organizzazione di un successivo incontro a favore della cittadinanza. Inoltre, prendendo contatti con una realtà fornitrice di energia che si è data disponibile a sviluppare con il Comune un progetto pilota di CER, l’Amministrazione ha già identificato delle aree che potenzialmente permetteranno lo sviluppo delle Comunità Energetiche, individuando siti su cui installare impianti fotovoltaici. Questa la dimostrazione che il Comune di Sesto si sta muovendo nella direzione corretta.

Il Gruppo Ecolò spera che così Sesto Fiorentino possa divenire un esempio nella Piana con lo scopo di diffondere sempre più tali comunità.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO