14 luglio 1944 – La battaglia degli Scollini

0
1153

SESTO GIORNO PER GIORNO

14 luglio 1944 – La battaglia degli Scollini

La mattina del 14 luglio 1944 militari tedeschi impegnati in un’operazione di rastrellamento su monte Morello, avvicinarono un gruppo di contadini per avere indicazione sui partigiani attivi nella zona.

Incattiviti dall’avvicinarsi del fronte e dalla piega negativa che stava prendendo la loro guerra, non risparmiarono Emilio Cresci che si era rifiutato di rispondere alle loro domande.

Una squadra di partigiani, che aveva assistito alla scena da lontano, decise allora di scendere da Monte Trini per dar manforte ai contadini. Purtroppo i loro movimenti non rimasero inosservati anche perché la vegetazione non era folta come ora.

Giunti in prossimità degli Scollini, i partigiani furono sorpresi dal fuoco nemico in una posizione del tutto sfavorevole. Al termine dello scontro a fuoco sul terreno rimasero tredici partigiani. Egizio Fiorelli, Lando Stefani, Raffaello Biancalani, Aristodemo Poli, Osvaldo Monselvi, Roberto Lumini, Emilio Sarti, Pietro Ferrantini, Pietro Buganelli, Silvano Mazzoni e Corrado Frigidi.

Dei componenti della squadra si salvò solo Silio Fiorelli (Saltamacchie) che inizialmente fu protetto da un rialzo del terreno e che poi riuscì ad allontanarsi strisciando tra gli arbusti e approfittando della polvere sollevata dalle bombe.

Nelle foto, tratta da Sesto com’era, i funerali che si tennero il 7 ottobre 1944 a Colonnata

TUTTOSESTO

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO