12 ottobre 1579 – Matrimonio di Francesco I e Bianca Cappello

0
106
Palazzo di Bianca Cappello
TuttoSesto

Firenze 365, la rubrica curata da Daniele Niccoli, autore del libro omonimo edito da apice Libri 

Fatti e aneddoti legati alla storia della città di Firenze raccontati giorno per giorno

Un aiuto per conoscere la nostra semenza e per intuire il nostro futuro.

Considerate la vostra semenza:
fatti non foste a viver come bruti
me per seguir virtute e canoscenza   (Dante, Inferno, canto XXVI)

12 ottobre 1579 – Matrimonio di Francesco I e Bianca Cappello

Bianca Cappello, figlia di un nobile veneziano, all’età di quindici anni scappò a Firenze con Pietro Bonaventuri, un impiegato della filiale veneziana del Banco Salviati. Come fu dimostrato più tardi, quest’ultimo non era certo uno stinco di santo e, soprattutto, non era in grado di garantire a Bianca il tenore di vita cui era abituata. Per questi motivi il padre, Bartolomeo Cappello, si oppose con tutte le forze alla relazione, ma, una volta giunti a Firenze, i due giovani riuscirono ad assicurarsi la benevolenza del granduca Cosimo I e finirono per sposarsi.

A quel periodo risale l’incontro fra Bianca e Francesco de’Medici, primogenito del Granduca. Per far sua la giovane e bella Bianca, Francesco non pose limiti al suo corteggiamento arrivando a comprare anche il tacito assenso del Bonaventuri, evidentemente molto più interessato ai soldi che alla faccia.

Un marito tra due amanti così potenti è sempre scomodo ma, casualmente, uscì di scena nel 1572 quando fu ucciso per strada dal nipote della sua concubina. La vita del Bonaventuri era sregolata ed era facile pronosticargli una fine violenta. Nonostante questo è difficile non immaginare che dietro la sua morte ci fosse la longa manus dell’erede al trono.

Nel frattempo Francesco aveva assunto la reggenza dello stato e si era sposato, suo malgrado, con Giovanna d’Austria che gli diede cinque figlie femmine tra cui Maria che diventerà regina di Francia. L’agognato erede, Filippo, arrivò nel 1577, ma sopravvisse solo quattro anni. Intanto la relazione con Bianca era diventata di dominio pubblico. Francesco non solo riempiva Bianca di gioielli, ma le aveva regalato anche il Palazzo di via Maggio, fatto costruire appositamente per lei da Bernardo Buontalenti.

Il palazzo, insieme alla villa di Pratolino, diventò l’alcova di una delle più chiacchierate storie d’amore del Rinascimento. L’11 aprile 1578 Giovanna d’Austria, di nuovo incinta, cadde dalle scale e morì. Francesco, nonostante il lutto recentissimo e l’ostilità della famiglia (del fratello Ferdinando in particolare), decise di sposare Bianca. Le nozze avvennero segretamente il 5 giugno 1578 per poi essere replicate pubblicamente il 12 ottobre 1579. L’amore sembrò finalmente trionfare, ma la tragedia di Poggio a Caiano sarebbe arrivata solo undici anni dopo. I fiorentini comunque non mancarono di manifestare, a loro modo, il dissenso su quel matrimonio.

Il granduca di Toscana
ha sposato una puttana
gentil donna veneziana

Daniele Niccoli

Per leggere le puntate precedenti clicca qui e vai sulla pagina del sito tuttosesto.net 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO